Facebook E-mail RSS
Home » news » Diventa Volontario con Ingegneria Senza Frontiere!
formats

Diventa Volontario con Ingegneria Senza Frontiere!

Hai mai pensato di fare volontariato? Hai riflettuto sul perchè farlo?

Secondo noi non è possibile individuare definizioni e motivazioni univoche per la scelta di un’azione volontaria; tuttavia, possiamo dirti che il volontariato non assume solo la forma di attività non retribuita. A tal proposito ti proponiamo la seguente descrizione, che sentiamo come nostra.
“Tratto caratteristico del volontariato è la gratuità, vissuta non solo dal punto di vista economico come lavoro non pagato, ma come scelta di realizzazione personale, in una prospettiva di realizzazioni solidali con gli altri, di sviluppo e valorizzazione del bene comune, di benessere della comunità di cui si è parte e da cui, in gran parte, dipende anche il benessere proprio. Proponendo la centralità della persona e delle sue relazioni interpersonali, la reciprocità, il legame sociale in luogo della centralità dello scambio mercantile, il volontariato opera in controtendenza rispetto alla deriva economicistica della società, che si riflette anche sul terreno dei diritti con la supremazia accordata ai diritti di proprietà, intesi come i fondamentali fattori di sviluppo, anche a costo di sacrificare cultura, salute, ambiente, pace sociale, emette in discussione una cultura che considera i diritti delle persone ‘costi e vincoli’ al dispiegarsi del libero mercato. Contro questa deriva, il volontariato sente di dover svolgere una funzione progettuale e politica, basato sulla giustizia sociale, sui diritti e sui doveri di e per tutti.”

Perché dovresti scegliere Ingegneria Senza Frontiere? 

Perché noi ISFini guardiamo il mondo con occhi critici, la nostra volontà di “creare uno spazio di progetto comune a nord e sud del mondo” è dettata dalla necessità di colmare il divario tra le varie realtà creato da un modello di sviluppo economico che “considera i diritti delle persone ‘costi e vincoli’ al dispiegarsi del libero mercato”.

Non ci basta avere una conoscenza tecnica, ne vogliamo una che ci permetta di essere capaci di esaminare e valutare quelli che sono i dettami dell’attuale società; per riuscire a costruirci un vocabolario civico nella nostra ottica di ingegnere cittadino.
“L’ingegnere cittadino ritiene che una soluzione tecnica non sia che un elemento tra gli altri nella risoluzione di un dato problema. Questo approccio tecnico non ha senso se non viene confrontato con altre dimensioni, per esempio economiche, sociali, culturali, ambientali, giuridiche,.. e se tutte le implicazioni non sono considerate e studiate” (dalla carta dei principi di ISF France).

Il nostro approccio ai problemi vuole essere originale. I nostri interventi tecnici sono subordinati alla richiesta dei beneficiari ed all’analisi del contesto; perché riteniamo di estrema importanza adoperare tecnologie appropriate.Intese come tali perché socialmente migliorano le condizioni di vita della gente, a livello economico usano in maniera saggia le risorse del pianeta, in ambito ecologico rispettano gli equilibri e le leggi della natura e politicamente decentrano fra la gente ed il governo della cosa pubblica.

Perché cresciamo e miglioriamo confrontandoci fra noi e con altre realtà.

Scopri come partecipare.
 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn